Bernoni-Arbotto-Fratini, l'Albano cala il tris e vince il derby castellano: Real Castel Fontana ko

L’Albano rialza la testa. Dopo la netta sconfitta rimediata nella gara casalinga di apertura contro la Vigor Perconti, i ragazzi di Stefano Sette si rifanno con gli interessi nel derby contro il Real Castel Fontana. Le due squadre castellane si sono affrontate a viso aperto, su un campo reso scivoloso dalla pioggia e in condizioni meteo che hanno ricordato ai presenti più un pomeriggio invernale che un sabato di primavera.


Sette prepara la gara alla perfezione, rinunciando alla mossa, più prevedibile, del pivot tradizionale, per puntare sulla intercambiabilità dei suoi uomini nelle due fasi di gioco. Efficace anche la marcatura a uomo su Bruno Guancioli, sicuramente l’elemento più pericoloso in zona gol tra gli uomini di mister Capraro.


La buona notizia è rappresentata anche dal rientro in campo di Simone Del Pidio che, reduce da un brutto infortunio, torna dopo oltre un anno a disposizione di mister Sette.


PRIMO TEMPO - Squadre che si fronteggiano con continui capovolgimenti di fronte. Albano ben messo in campo che copre tutti gli spazi e Real Castel Fontana che si affida ad una maggiore dinamicità e alle intuizioni in avanti del suo bomber Guancioli. Sette si punta sulla vecchia guardia, con Essien e Bernoni deputati a dare fastidio all’ottimo estremo difensore avversario. Ma è il Real Castel Fontana che passa, grazie ad una conclusione del capitando Conti, sulla quale nulla può fare l’incolpevole Casciotti. L’Albano però non ci sta, alza il ritmo, e Michael Bernoni riporta in parità il match con il suo terzo gol in due partite disputate.


SECONDO TEMPO - Ci si mette anche la pioggia a complicare una gara che, man mano che scorrono i minuti, diventa sempre più bella e avvincente. Salgono in cattedra i due portieri e, Casciotti da una parte e Bardoscia dall’altra, dicono di no alle ripetute conclusioni degli avversari. L’Albano si vede annullare anche una rete di Del Pidio che il direttore di gioco giudica viziata da un fallo in attacco dello stesso giocatore. 


E quando la stanchezza sembra cominciare a farsi largo e mancano meno di due minuti al triplice fischio, break dell’Albano con Essien che conquista palla su una ripartenza e serve il debuttante Valerio Arbotto il quale, appostato sul secondo palo, insacca alle spalle del portiere rossonero.


Mossa della disperazione di Capraro che gioca la carta del portiere di movimento quando ormai mancano solo pochi secondi al termine. Ma l’Albano, sulle ali dell’entusiasmo, passa ancora. Capitan Fratini si invola palla al piede e la mette di nuovo nel sacco quando ormai non c’è più neanche il tempo di riorganizzare le idee per il Real Castel Fontana.


IL COMMENTO - Una vittoria che ci voleva per l’Albano, dopo lo scivolone della prima giornata. Sette ha dimostrato di saper mettere bene in campo le risorse a disposizione e di motivare a dovere un gruppo che non ha mollato sino all’ultimo secondo di gioco. La grande rotazione dei giocatori ha inoltre permesso alla squadra di mantenere una costante aggressività per tutto l’arco della gara. Non sarà il campionato con la migliore formula del mondo, ma è certamente un torneo che ci regalerà emozioni e divertimento.