La CDM verso il Real San Giuseppe, Paoletti: "Con la Feldi ho visto una grande reazione"

Dopo il pareggio in rimonta contro la Feldi Eboli in casa CDM si pensa già al prossimo impegno, visto che mercoledì la squadra sarà impegnata nella gara contro il Real San Giuseppe. Una partita importante per confermare quanto di buono fatto contro i campani, soprattutto nel secondo tempo, come confermano le parole del direttore generale Mino Paoletti. 

”Abbiamo ottenuto un punto importante sia per la prestazione collettiva, sia per il modo in cui è arrivato - spiega - diciamo che anche nel primo tempo non avevamo fatto male, poi per come si era messa la gara il risultato era quasi inaspettato. I ragazzi stanno crescendo, iniziano ad assimilare quanto chiede il mister e anche i nuovi innesti si sono subito integrati al meglio. Sono contento soprattutto per la reazione che ha avuto la squadra, nel finale abbiamo avuto un episodio che ci ha premiati, ma Antonio Molaro, un ragazzo giovane su cui puntiamo molto, è stato bravo a trasformare il tiro libero a pochi secondi dal termine”. 

Archiviata la prestazione contro la Feldi Eboli nel mirino c’è la gara di mercoledì contro il Real San Giuseppe, reduce dal pesante 8-0 sul campo dell’Italservice Pesaro. 

”Pesaro e Acqua&Sapone, quando sono in giornata, sono squadre fuori portata per chiunque. Dopo una sconfitta così ci sono due aspetti da valutare: da una parte perdere 8-0 può darti comunque un contraccolpo psicologico, dall’altra invece la volontà di dimostrare quale sia il tuo reale valore. Dovremo essere bravi noi a mettere i nostri granelli di sabbia in questi ingranaggi”. 

Un altro passo in una corsa alla salvezza ancora ampiamente alla portata e con tante pagine da scrivere. 

”Al momento credo che la corsa sia tra noi, Lido di Ostia, Aniene e Pescara, non vedo altre squadre che rischiano di essere risucchiate. E’ un campionato in cui però gli scenari possono cambiare nel giro di qualche partita. Sono sincero, ad inizio campionato con giocatori come Ramon o Caputo pensavamo di poterci inserire in ottica Final EWight, poi alcuni problemi di varia natura ed il cambio di allenatore ci hanno portato ad una sorta di ricostruizione. Alla fine siamo una matricola, visto che il campionato dello scorso anno non è praticamente iniziato, e cercheremo di farci strada fino alla salvezza”.