Vinumitaly Petrarca, che gioia per Marchese: "Double? Speciale vincere con il club dove sono nato"

Vincere un campionato è un'emozione unica, farlo conquistando pure la coppa nazionale lo è ancora di più. E centrare un double del genere indossando la maglia non solo della squadra della tua città, ma del club che ti ha lanciato nel calcio a cinque allora cosa può significare? Noi non possiamo nemmeno immaginarlo, ma Niccolò Marchese per fortuna può raccontarcelo. Padovano doc come il compagno di spogliatoio Andrea Bastini, il pivot classe 1998 è stato lanciato nel futsal proprio dal Vinumitaly Petrarca e dopo alcune stagioni disputate in prestito con altri club dove si è fatto le ossa, Marchese è diventato elemento fisso del collettivo guidato da mister Luca Giampaolo. Ora il doppio trionfo d'Élite tra campionato e coppa.

- Niccolò, quanto è grande per te la soddisfazione di aver vinto dopo il campionato pure la Coppa? Tu che proprio nel Petrarca hai mosso i tuoi primi passi nel futsal…

"Vincere il campionato con tre giornate d’anticipo è stata una sensazione unica, ma vincere la Coppa è stata la ciliegina sulla torta per la stagione che abbiamo fatto. In più farlo con la squadra della mia città e dove sono nato per questa avventura nel futsal è ancora di più speciale".

- Cosa credi che alla fine abbia fatto la differenza per avere la meglio sul Mestre?

"Credo che avere la tranquillità nel gioco sia stata la chiave per portare a casa la vittoria".

- Qualche dedica speciale dopo questo double?

"Sicuramente la dedica va fatta ai miei genitori che mi sono sempre stati accanto e che hanno sempre fatto di tutto per me. Penso che il ringraziamento più grande vada fatto a loro".


Lorenzo Miotto