Samp, arriva il primo atto. Ortisi punta il Pontedera: ''Test importante, ci aspettiamo molto''

Ancora poche ore e, per la Sampdoria Futsal di mister Francesco Cipolla, scatterà il momento della prima gara ufficiale, la prima in cui il risultato conterà davvero. Domani alle 15, alla palestra di Bientina, i blucerchiati saranno infatti impegnati nel secondo turno di Coppa di Divisione contro i padroni di casa del Pontedera. Gara secca, in cui ci si giocherà il passaggio del turno.

Non vedevamo l’ora – commenta il capitano della Sampdoria Futsal Andrea Ortisi – E’ sempre una competizione affascinante, creata per rimescolare un po’ le carte e far incrociare squadre di categorie diverse. Noi cercheremo di arrivare il più lontano possibile, affrontiamo questo primo impegno come se fosse una gara di campionato. E’ un test importante per noi e ci aspettiamo molto anche perché in queste settimane ci siamo allenati molto bene. Abbiamo fatto un ottimo lavoro, cercando di sistemare tutto al meglio. Naturalmente ci sono ancora cose da sistemare e da analizzare a pieno ma è normale che sia così“.

Sapevamo che avevamo tante cose da sistemare – prosegue Ortisi – E’ una squadra rinnovata ma il mister è molto bravo in questo. Riesce a riunire tutti sotto una stessa identica idea di gioco e sappiamo che partita dopo partita ci sarà da analizzare gli errori che faremo, andando a sistemare i dettagli che, alla fine del campionato, faranno la differenza. Anche l’esito finale dello scorso anno ne è la prova: purtroppo il regolamento non premiava chi era arrivato primo e noi sapevamo di aver sbagliato le prime due partite ma, da lì in poi, credo si possa dire che abbiamo condotto una stagione stratosferica, vincendole quasi tutte“.

Quest’anno però si volta pagina, com’è giusto e normale che sia: ci sono volti nuovi, in campo e fuori, e c’è un nuovo obiettivo da perseguire, sebbene nessuno in casa blucerchiata lo voglia nominare apertamente. “Sarà un campionato tosto – conclude il capitano – Ci sono tante squadre di valore ma noi dobbiamo solo pensare a noi stessi e ad affrontare quello che verrà, partita dopo partita. Poi alla fine del girone di andata vedremo dove saremo, ripartiremo di nuovo e alla fine dell’anno tireremo le somme di quanto avremo saputo fare. Ma ognuno di noi sa perfettamente il lavoro che deve svolgere“.