Sporting Hornets, domani via ai play-off per l’Under 17. Mancori: “Un sogno diventato realtà”

Domani partirà l’avventura playoff per la formazione Under 17 Élite dello Sporting Hornets, protagonista di una stagione fin qui straordinaria. I gialloneri saranno impegnati in gara secca sul campo della Roma, una gara non facile, ma con tanta voglia di stupire ancora. Merito indubbiamente del lavoro di tutta la società, del tecnico Daniele Mancori e del suo staff. 

“L’obiettivo che ci eravamo dati a luglio era quello di formare una Under17 e far crescere i ragazzi sotto il profilo tecnico e tattico e migliorare per essere squadra e mantenere la categoria - spiega proprio Mancori -. Andando avanti con il lavoro, e già dalle prime amichevoli, abbiamo notato che l’atteggiamento era giusto, propositivo, e che forse si poteva puntare a qualcosa in più” 

L’analisi di Mancori continua. 

“Abbiamo sempre lavorato per cercare la salvezza ma nello spogliatoio c’erano voglia e consapevolezza di poter fare altro, e ci abbiamo provato. Il girone di andata è stato fantastico, abbiamo chiuso con una sola sconfitta, mentre in quello di ritorno abbiamo faticato un po’ di più. Ma proprio il nostro essere squadra ha fatto si che non si mollasse di fronte alle difficoltà. Dopo quanto fatto nel girone di andata volevamo questo grande obiettivo, sia per noi che per la società, che al primo anno nella categoria ha raggiunto questo traguardo” . 

L’avversario sarà la Roma, squadra forte, ma gli Hornets hanno voglia di provarci. 

“Sappiamo che la partita in casa della Roma è proibitiva, probabilmente è la squadra più forte, ma noi ci siamo, siamo contenti e sappiamo che non abbiamo nulla da perdere. Affrontiamo questa sfida con la voglia di fare bene e provare a vincere. Abbiamo preparato un piano gara, e proveremo ad interpretarla nel modo giusto. Abbiamo lavorato tanto per essere qua, domani dobbiamo prima di tutto divertirci e cercare di non mollare mai, anche se la partita non dovesse andare come speriamo. Dobbiamo continuare ad essere SQUADRA perché è quello che ci ha contraddistinto in questa stagione” 

Mancori conclude poi con qualche ringraziamento. 

“A prescindere da come andrà posso solo ringraziare i miei ragazzi, che partendo da zero hanno dato l’anima per la maglia. E poi devo ringraziare chi ha permesso che il sogno playoff diventasse mano mano realtà, chi mi ha sopportato e supportato nei momenti difficili. Il mio secondo e mental coach Valerio Mancori, il preparatore dei portieri e dirigente Gioia Calvaresi, il direttore tecnico Alessio Bonanni, e le persone che hanno costruito questa famiglia chiamata Sporting Hornets: il presidente Fabrizio De Santis e Chiara Innocenzi”.